Voglia di amici a quattro zampe: nel 2020 boom di adozioni. I consigli per accudirli

Benvenuto cucciolo! È una frase che negli ultimi mesi è echeggiata in diverse case italiane, come dimostrano i dati secondo cui 3.5 milioni di italiani avrebbero preso con sé un animale da compagnia durante o dopo il primo lockdown della primavera 2020.  A dirlo è il Rapporto Coop 2020 secondo cui altri 4.3 milioni starebbero pensando di farlo a breve. In totale sono sessanta milioni gli animali domestici presenti nelle case italiane (Rapporto Assalco Zoomark 2020). Il 40.3% delle famiglie residenti nel Lazio hanno un cane o un gatto (Doxa).

Come scegliere il “cane giusto”? Quali sono le prime cure da dargli? A rispondere a questi dubbi è Manuel Magagnini, medico veterinario del Centro Ca’ Zampa Roma, il primo Centro dedicato al benessere degli animali domestici al Maximo Shopping Center di Roma, situato sulla piazza esterna Gabriella Ferri.

Come scegliere il cane che più sia in linea con i ritmi e gli spazi famigliari?

Quando ci si trova nelle condizioni di scegliere un cucciolo di cane, è opportuno informarsi in maniera adeguata riguardo vari aspetti, in modo che la scelta sia consapevole in base allo stile di vita personale e agli spazi a disposizione. Innanzitutto è bene informarsi sulle caratteristiche e le esigenze di cura della razza; è bene anche conoscere la loro taglia da adulti, le loro esigenze future e la gestione dei loro spazi. È bene anche rilevare informazioni sul loro carattere, oltre che pensare ai momenti che condividerete in base ai quali vanno valutate le componenti caratteriali (ad esempio sei desidera un cane da guardia, da compagnia, per lo sport o per la difesa). Tutto è importante per evitare di rischiare di fare una scelta azzardata.

Cosa fare quando arriva un cucciolo in casa?

La prima visita dal veterinario riguarda il controllo generale di cute, mantello, orecchie, occhi, torace e battito cardiaco. A queste deve seguire anche un piano vaccinale che parte dai 60 giorni fino ai 12 mesi. Si tratta di una profilassi indispensabile per proteggere il cucciolo da cimurro, epatite, leptospirosi e gastroenterite.

In che maniera è necessario proteggerlo dai parassiti?

È indispensabile una protezione annuale contro i parassiti interni (vermi intestinali) e  i parassiti esterni (zecche, pulci ed acari). Un’attenzione particolare va data anche alle patologie stagionali, a seconda della posizione geografica: leishmania e filaria (soprattutto nel centro Italia). Il piano di protezione comprende, a scelta, tra gocce, compresse o repellenti esterni. 

Quanto è importante effettuare il controllo ortopedico per la crescita sana dell’animale domestico?

Tra i primi controlli da mettere in agenda c’è quello ortopedico. È importante dare la giusta attenzione alla salute dell’apparato muscolo-scheletrico dell’amico a 4 zampe, soprattutto nella delicata fase della sua crescita, durante i suoi primi 3 anni di vita. Ecco perché è consigliabile effettuare un periodico screening ortopedico che possa analizzare i fattori di rischio attraverso una valutazione dell’alimentazione, del peso e della massa corporea. Va scelta la giusta attività ludica e sportiva in funzione delle caratteristiche strutturali del cucciolo e al suo potenziale di accrescimento, come anche fare attenzione alla quantità e al tipo di alimentazione al fine di evitare un eccesso di calorie che potrebbero appesantire l’animale e le sue articolazioni. 

Come prepararsi ad accogliere il nuovo arrivato a 4 zampe in casa?

È bene predisporre la casa a misura di cucciolo, attraverso una ridistribuzione degli spazi in base alle esigenze di crescita dell’animale. Ad esempio vanno definite delle zone per posizionare la cuccia, le ciotole dell’acqua e del cibo ed eventualmente un recinto. Ma soprattutto è bene tenerlo lontano da fili elettrici, piante velenose ed oggetti fragili. 

Ogni quanto è bene portarlo fuori?

È importante che le uscite siano di almeno 3-4 volte al giorno, specie dopo aver dormito, giocato, mangiato.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email